Marisa Giorgini

image002

si avvicina allo yoga giovanissima attraverso l’incontro con le opere di Shri Aurobindo e Mère,  figure che rimangono il suo riferimento spirituale costante. 
Champaklal, discepolo diretto di Sri Aurobindo, le dona il nome spirituale di Asthà, che significa “Fiducia”,
indicandole in questa attitudine il punto di forza della sua crescita.

La laurea in Filosofia Orientale e i frequenti viaggi in India le consentono di ampliare le sue conoscenze teoriche e pratiche con maestri di varie tradizioni.
Il maestro Ambu, dello Shri Aurobindo Ashram, la introduce ai benefici delle Asana.Marisa Giorgini

il mio maestro Ambu ottantenne che pratica la posizione dell'aquila

il mio maestro Ambu ottantenne
che pratica la posizione dell’aquila

 

Swami Gitananda Giri la guida nel pranayama e nello yoga terapia.
Saccidananda Yogi di Madras, le insegna con il silenzio e la presenza come mantenere il cuore puro ed il corpo in salute .
Con il Maestro indiano Baba Bedi affina la sensibilità e l’intuizione scoprendo innovative tecniche in ambito terapeutico, artistico ed evolutivo.
Con Maestri di Buddhismo tibetano di tradizione Kagyupa approfondisce le pratiche meditative, in particolare con Lama Ole Nhydal, che le dona il nome spirituale di Karma Rinchen Dolma, che indica un aspetto della Madre Divina, (Tara Verde), come “Gioiello che esaudisce i desideri”.
Riceve l’iniziazione allo Dzog-Chen dal maestro Namkhai Norbu nella comunità di Merigar, in cui torna frequentemente con i suoi seminari.
Con il maestro tibetano Nida Chenantsang, apprende il mantra healing, la guarigione attraverso il suono ed il mantra.
Esplora le pratiche energetiche di tradizione cinese lavorando sui fondamenti del Ci Kung  con il maestro  Li Xiao  Ming.
Insegnante diplomata di Kundalini Yoga, riceve il nome spirituale anche nel loro lignaggio: Gagandip Kaur,“Principessa Luce del Cielo”.
Ha arricchito la sua formazione con esperienze di sciamanesimo peruviano e con l’approfondimento della tradizione iniziatica Egizia ed Ebraica.

Nel suo Centro propone una particolare sintesi di pratiche yogiche da lei definita “Yoga dell’Energia”, che insegna dal 1979.
Il percorso dello Yoga dell’Energia prevede l’integrazione di pratiche di Hatha Yoga, Yoga Terapia, Yoga Nidra, Kundalini Yoga, Meditazione, e anche l’ Astroyoga, un percorso da lei stessa elaborato, in cui le conoscenze astrologiche si collegano alla fisiologia sottile dello Yoga, (che vede i chakra come i nostri pianeti interni), per suggerire le pratiche più adatte a migliorare il rapporto della coscienza con le forze che ciascun pianeta rappresenta.

Le ricerche più caratteristiche del suo percorso sono state da lei descritte in tre libri ( “Garuda Namaskar=elevarsi e vedere”, “Hanuman=colui che rende possibile l’impossibile”, “Ganga Namaskara: la pratica per la purificazione del Karma”).

Marisa è anche la promotrice di diverse iniziative culturali: l’amore particolare per il potere del suono la spinge a organizzare sia concerti di musica indiana di altissimo livello (Shahid Parvez, Partho Sarothi), sia iniziative sperimentali, di profondo impatto sul corpo e sulla mente, come i concerti di campane di cristallo di silicio e i bagni di Gong.

Fortemente sentito è anche il collegamento con l’arte. Infatti Marisa ritiene che ogni attività creativa è una forma di meditazione, e il disegno, sia libero che di mandala e simboli sacri, diventa spesso parte della pratica yogica.
Incoraggiata dal maestro Baba Bedi ad esplorare l’arte del collage, Marisa ha elaborato un suo metodo per “caricare” il collage con la forza di un’energia o un‘ intenzione particolare, e persegue nella sua produzione e ricerca con grande gioia :
”Adoro fare collage… mi piace fondere parti diverse attorno ad un cuore unico, che è l’intenzione per cui lo faccio … è un po’ quello che fa lo yoga, quando integra le parti innumerevoli di cui siamo fatti con il nostro nucleo di luce e saggezza del nostro cuore“

Oltre ai corsi e seminari Marisa propone anche incontri individuali in cui offre il suo aiuto nella soluzione di problematiche personali, sia di tipo fisico che  esistenziale, con indicazioni pratiche ed interventi energetici volti a risvegliare la forza di guarigione e di chiarezza presente in ogni essere.