Incontri di Meditazione Collettiva

Mercoledì 3 e 17 maggio 2017

20.15 - 21.30

Via Castellata 10/a, Bologna

Offerta libera

Sri Aurobindo dalle “Lettere sullo yoga”: 

sriauro_symbol

Ci sono due parole per esprimere il concetto indiano di dhyana: “meditazione” e “contemplazione”.
Meditazione, a rigor di termini, vuol dire concentrazione della mente in un’unica sequenza di idee che elabora un soggetto unico.
Contemplazione vuol dire considerare mentalmente un solo oggetto, immagine o idea in modo che la conoscenza dell’oggetto, immagine o idea possa sorgere naturalmente nella mente in virtù della concentrazione.

Entrambe sono forme di Dhyana, perché il principio di dhyana è concentrazione mentale, nel pensiero, nella visione o nella conoscenza.

Vi sono altre forme di Dhyana.
C’è un passaggio nel quale Vivekananda consiglia di ritirarsi dai propri pensieri e di lasciarli scorrere nella mente a loro piacimento, semplicemente osservandoli e vedendoli per quello che sono. Questa può chiamarsi concentrazione nell’osservazione di sé.

Questa forma conduce ad un’altra: la mente è liberata da tutti i pensieri e lasciata in una specie di vuoto attento e puro dove la conoscenza divina può venire a fissarsi, imperturbata dai pensieri inferiori della mente umana comune e con la stessa chiarezza di una scritta in gesso bianco sulla lavagna.
Nella Bhagavad Gita troverete come questo rifiuto di tutti i pensieri della mente sia uno dei metodi dello yoga, anzi addirittura il metodo che essa sembra prediligere.
Può essere denominato dhyana della liberazione, poiché libera la mente dalla schiavitù del processo meccanico del pensiero, permettendole di pensare o di  non pensare, come vuole e quando vuole, di scegliere i propri pensieri o di andare oltre il pensiero verso la percezione pura della Verità, chiamata nella nostra filosofia Vijnana.

La meditazione è il procedimento più facile per la mente umana, ma il più limitato nei risultati;
la contemplazione è più difficile, ma migliore; l’osservazione di sé e la liberazione dalla catena del pensiero è il più difficile di tutti, ma il più ampio nei risultati.
Si può sceglierne uno seguendo la propria inclinazione e capacità.
Il metodo perfetto sarebbe di impiegarli tutti, ognuno al momento opportuno e per il suo scopo specifico; ma questo comporterebbe una fede consolidata, una pazienza tenace e una grande forza di volontà nell’applicarsi allo yoga.

Non ci sono condizioni esterne essenziali, ma la solitudine e l’isolamento al momento della meditazione, come anche l’immobilità del corpo, sono utili al principiante, a volte quasi necessarie.
Ma le condizioni esterne non dovrebbero essere vincolanti.
Una volta che la consuetudine di meditare abbia preso forma, dovrebbe essere possibile praticarla in ogni condizione, supini o camminando, nella solitudine o in compagnia, nel silenzio o in mezzo ai rumori e così via.

La prima condizione interiore necessaria è la concentrazione della volontà contro gli ostacoli che si frappongono alla meditazione, come il vagare della mente, l’oblio, il sonno, l’irrequietezza fisica e nervosa, l’agitazione.
La seconda è una purezza calma e crescente della coscienza interiore (citta), dalla quale sorgono pensiero ed emozione; cioè libertà da ogni reazione di disturbo, come rabbia, dolore, depressione, ansia per gli avvenimenti della vita…

Mère dalle “Conversazioni del 1956”:

simbolo_mere

[la meditazione dinamica] ha il potere di trasformare la vostra natura.
E’ una meditazione che vi fa progredire…una meditazione dinamica è una meditazione di trasformazione…

Penso che la cosa più importante sia sapere perché uno medita;
è questo che conferisce qualità alla meditazione e a renderla di un genere o di un altro.

Potete meditare per aprirvi alla Forza divina, potete meditare per eliminare la coscienza comune, potete meditare per entrare nella profondità del vostro essere, potete meditare per imparare a offrirvi integralmente, potete meditare per ogni sorta di ragioni.
Potete meditare per entrare nella pace, nella quiete e nel silenzio; questo è quanto la gente generalmente fa, ma senza troppo successo.
Ma potete meditare anche per ricevere la Forza della trasformazione, per scoprire gli aspetti che vanno trasformati; per tracciare una linea di sviluppo.
E ancora potete meditare per ragioni molto pratiche: quando avete una difficoltà da risolvere, una soluzione da trovare, quando avete bisogno d’aiuto per una azione o per qualunque ragione; potete meditare anche per questo.

Penso che ognuno abbia un suo modo di meditare.
Ma se si vuole che la meditazione sia dinamica, si deve avere un’aspirazione al progresso e la meditazione deve essere praticata per servire a realizzare questa aspirazione al progresso.

—————————————————————————————————–

Scende il silenzio e si accende la fiamma dell’aspirazione
un calore soffuso pervade il corpo e porta con sé un impulso di gioia verso la trasformazione
si ode il canto dell’armonia divina, calmo e sorridente
è una sinfonia dolce, appena udibile eppure colma di potere.
Ritorna allora il silenzio, più profondo, più vasto, sì, vasto fino all’infinito
e l’essere esiste oltre i confini del tempo e dello spazio.

Mère


Di seguito le prossime date e i temi che tratteremo:

– Mercoledì 3 maggio 20.15 – 21.30
Letture di brani di Shri Aurobindo e Mère sulla scoperta dell’anima e meditazione collettiva

– Mercoledì 17 maggio  20.15 – 21.30
Letture di brani di Shri Aurobindo e Mère sulla scoperta dell’anima e meditazione collettiva 


Serate ad offerta libera
Namasté 

 

Bagno di Gong - Elemento Terra

read next